Ricerca e Sviluppo - Terramore

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricerca e Sviluppo

Ambiente
 

Ricerca e Sviluppo
TerrAmore ha brevettato un procedimento per incrementare il periodo di conservazione dei prodotti destinati alla IV gamma, mediante l’impiego di soluzioni comprendenti riducenti e/o acidulanti in grado di inibire l’ossidazione catalizzata dell’enzima polifenolossidasi e garantire la conservazione del prodotto già tagliato e pronto all’imbustamento di almeno sette giorni. Le altre ricerche portate avanti da Terramore in ambito di sostenibilità sono:

  • sperimentazione di nuovi prodotti a basso impatto ambientale per la difesa delle colture (es. utilizzo di micorrize, associazione simbiotica fungo- radici di piante, per la coltivazione di indivie);

  • studio sulle differenti asportazioni delle diverse colture, al fine di mettere a punto un piano di concimazione ponderato (es. per l’indivia è stata calcolata la composizione chimica delle diverse componenti della pianta , al fine di valutare gli effettivi fabbisogni nutrizionali e di approntare un piano di concimazione appropriato);

  • studio di tecniche di coltivazione a basso impatto ambientale (es. la semina diretta di ortaggi con conseguente riduzione delle lavorazioni del terreno).

Il microbiologico studia i microrganismi, con particolare attenzione alle loro caratteristiche fisiche-chimiche, alla loro classificazione e all'interazione che hanno l'uno con l'altro e nei confronti dell'ambiente. L'agricoltura microbiologica è un tipo di agricoltura che prevede un residuo zero di pesticidi, ma che mira ad un livello qualitativo e quantitativo economicamente sostenibile. Per qualità degli alimenti si intende: il sapore; zero residui di pesticidi; aumento degli antiossidanti; aumento delle proteine; degli aminoacidi; dei sali minerali. Di recente Terramore partecipa e segue il progetto MABISCOMBI per la riduzione dell'impatto ambientale. Clicca qui per maggiori informazioni.

Torna ai contenuti | Torna al menu